fbpx

“Salutiamo con favore la proposta del ministro Franceschini. L’idea di ricostruire l’arena del Colosseo ci piace, solo però se sarà possibile rivitalizzare l’Anfiteatro attraverso eventi culturali, teatrali, a basso impatto d’inquinamento acustico”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.


“Del resto- ha aggiunto Rampelli-  l’idea di rilanciare il nostro patrimonio sperimentando nuovi percorsi in grado di coniugare tutela, commercializzazione e fruibilità fa parte del nostro programma culturale.  Si tratta di un progetto interessante per aumentare l’attrattività del monumento più noto al mondo, ma non del più visitato”.

“Ci auguriamo- ha concluso-  che questa proposta faccia comunque parte di un progetto di riqualificazione, rilancio e messa in sicurezza dell’anfiteatro Flavio”.

Per il coordinatore della Comunicazione di Fdi-An Federico Mollicone, già presidente della commissione Cultura “come destra di governo della città, abbiamo sempre praticato la sussidiarietà. Governando la Capitale creammo, infatti, un circuito sussidiario per valorizzare i luoghi archeologici chiamato “Roma segreta” che aveva avuto un grande successo garantendo l’apertura continuativa di 17 luoghi archeologici. Arrivato Marino il circuito non è stato rinnovato e quei luoghi sono chiusi e visitabili solo su richiesta. La sussidiarietà deve creare un fronte trasversale alla destra e alla sinistra e contrastare la parte reazionaria e vincolista che impedisce non solo la fruibilità del bene ma anche la godibilità del monumento”.

“Da questo punto di vista, la proposta del ministro Franceschini è positiva. Il Colosseo – ha concluso Mollicone- deve diventare un centro di arte e cultura internazionale come l’arena di Verona e quella di Nimes”.

Condividi

Facebook

NEWSLETTER

Social