“Come sempre accade quando governano i post-comunisti che continuano ad avere la passione per la Cina, l’Italia diventa piattaforma di lancio per le speculazioni del continente asiatico. Delrio a Pechino piazza le nostre strutture logistiche all’economia cinese, la stessa che ha distrutto il nostro commercio, parte del made in italy e del nostro stesso know how con la concorrenza sleale. AAA ITALIA CHIAVI IN MANO CEDESI…
Gli ex comunisti convertiti al liberismo economico, non avendo per formazione culturale familiarità con le regole, passano dal dogma del materialismo marxista a quello turbocapitalista. Insomma, come diceva la destra dall’origine: due facce della stessa medaglia”.
È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.
Condividi

Facebook

NEWSLETTER

Social