“Fa davvero impressione ascoltare Renzi che lancia manifesti ri-fondativi dell’Unione Europea, oggi. Non solo perché ci costringe a ricordargli che il Pd ha avuto modo di governare ininterrottamente dal Governo Monti in poi, ma ha espresso ben tre presidenti del Consiglio con Letta, lui stesso e Gentiloni. Renzi ha avuto anche l’onere e l’onore di presiedere il semestre europeo e il suo raggruppamento a Strasburgo è responsabile di tutto quanto è stato fatto od omesso. L’unico lascito che rimane della sua premiership è la rinegoziazione dello ‘zero virgola’ sul Deficit in cambio della trasformazione dell’Italia in scalo permanente di migranti. Emma Bonino docet. Un consiglio da avversario caritatevole: sul rifondare l’Unione europea taccia…tra l’originale e la brutta copia, gli italiani sceglieranno sempre noi. Inutile perdere tempo e farlo perdere ai leader delle socialdemocrazie continentali”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Condividi

Facebook

NEWSLETTER

Social