“Lo sconcerto per lo scandalo che sta travolgendo il Consiglio Superiore della magistratura si associa alle impudenti affermazioni del Pd, che ora reclama una riforma, sempre osteggiata, per poter esercitare a pieno il suo dominio. Nel sistema di nomina dei componenti laici hanno costantemente spadroneggiato e non a caso i direttamente coinvolti fanno parte del cerchio magico di Renzi-Lotti-Ferri, mentre le correnti della magistratura sono ben lontane dal costituire una forma di pluralismo culturale. L’emergenza contemporanea è quella di strappare il potere giudiziario da bande e sottobande legate alle varie costole della sinistra per dare centralità a quella maggioranza silenziosa di magistrati onesti e imparziali, veri servitori dello Stato, soffocati e inibiti da gruppi di potere che stanno mettendo a repentaglio l’intera credibilità del sistema. Spartizione delle procure, promozioni, consulenze pilotate, prebende sono diventati veri e propri cancri da estirpare. Uno scandalo al cubo se si pensa, con terrore, che è il Capo dello Stato a presiedere l’organo di autocontrollo dei giudici. È tempo di riforme radicali che ricostruiscano il rapporto fiduciario tra i cittadini e le toghe: separazione delle carriere, abrogazione delle nomine parlamentari, cambiamento del sistema elettorale dei collegi”.

E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, vicepresidente della Camera e deputato di Fdi.

Condividi

Facebook

Twitter

NEWSLETTER

Iscriviti al blog tramite email

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog, e ricevere via e-mail le notifiche di nuovi post.

Prossimi Eventi

No results found.

Social