“Trovo surreale la dichiarazione del capogruppo Pd in Commissione Trasporti, Davide Gariglio, che imputa a me, quale relatore alla Camera della Legge Meloni sui dispositivi Salvabebè, una presunta corresponsabilità del caos che si è generato per la malagestione dei due ultimi governi.
Ricordo a Gariglio che la Legge Meloni prevedeva opportunamente un periodo di adattamento di 120 giorni proprio per evitare questi disguidi e dare tempo a produttori, rivenditori e famiglie di adattarsi. Purtroppo, per l’inerzia dell’allora Ministro Toninelli oggi esponente della sua stessa maggioranza, quei termini non sono stati rispettati. Ora, per evitare lo psicodramma che da ieri ha investito tantissime famiglie italiane, sarebbe bastato modificare quei termini o almeno inviare una banale circolare ministeriale alla Polizia Stradale e alle Polizie Locali dando indicazioni di non erogare le sanzioni fino a nuovo ordine e contestualmente predisporre una adeguata campagna informativa. Invece di scaricare colpe su chi non ne ha il Pd risolva i problemi creati dai suoi nuovi compagni di viaggio”.
È quanto dichiara in una nota Carlo Fidanza, già relatore della legge Meloni alla Camera e ora Capodelegazione di Fratelli d’Italia al Parlamento Europeo.

Condividi

Facebook

Twitter

NEWSLETTER

Prossimi Eventi

No results found.

Social