“Come Dipartimento Nazionale Tutela Vittime di FDI siamo sdegnati per i contenuti dei brani del cantante Pippo Sowlo, gravemente offensivi della dignità delle donne oltre che legittimanti condotte di indubbia rilevanza penale. Grave che importanti e note trasmissioni radiofoniche – come avvenuto ieri in Ciao Belli di RadioDeejay – amplifichino tali messaggi senza prendere coscienza del contenuto. In un contesto sociale di vera emergenza rispetto al fenomeno della violenza e dell’abuso all’interno della coppia non è tollerabile che siano sdoganate attraverso brani rap, ascoltati soprattutto dai giovani, non solo la sopraffazione fisica ma anche pratiche sessuali umilianti e degradanti.
Invitiamo le Istituzioni, le Autorità Garanti e le emittenti radiofoniche ad una formale ed immediata presa di distanza dai messaggi lesivi della identità femminile, con la messa al bando di testi musicali che possano favorire fenomeni culturali discriminatori e soprattutto delittuosi.
Chiediamo una ferma condanna anche da parte di tutti i partiti politici del comportamento tenuto da questo autore, la cui libertà di pensiero non può giustificare l’implicita istigazione a crimini come quelli dei maltrattamenti in famiglia o della diffusione illecita di immagini o video sessualmente espliciti, reato introdotto, lo ricordiamo, con la riforma “codice rosso” e punito con la reclusione fino a sei anni oltre alla multa fino a 15000 euro”.
Così in una nota Cinzia Pellegrino, Coordinatore del Dipartimento tutela Vittime di Fratelli d’Italia, in merito al testo della canzone “Sirvia” di Pippo Sowlo.

Condividi

Facebook

Twitter

NEWSLETTER

Prossimi Eventi

No results found.

Social