“Il Coronavirus è un’epidemia che sconvolge l’intero pianeta e che richiede una risposta unitaria e corale e abbassarsi ad auspici di morte e malattia per chi la pensa politicamente in modo diverso così come deridere i morti come è accaduto solo pochi giorni fa, è sconvolgente e vergognoso”.
Lo dichiara Luca De Carlo, deputato e coordinatore veneto di Fratelli d’Italia commentando le parole del consigliere trentino della sinistra Tommaso Ulivieri che in un post su Facebook ha augurato a veneti e lombardi di essere contagiati dal virus Covid-19.
“Una persona del genere – aggiunge De Carlo – non è degna di sedere in un consiglio comunale né di rappresentare un’istituzione. Ricordo a Ulivieri, così come ai nostalgici altoatesini, che il loro territorio è quello italiano. Siamo un unico popolo che sta affrontando a testa alta un dramma epocale e pensare di essere migliori degli altri non li aiuterà ad uscire da questa emergenza. La loro autonomia, i loro privilegi, non funzioneranno certo da vaccino”. 
“Restiamo umani’ – conclude l’esponente di Fratelli d’Italia – deve essere un motto che deve unire la Nazione soprattutto in un periodo così difficile dove molte famiglie piangono i propri cari senza nemmeno poterli salutare e migliaia tra personale sanitario e personale delle Forze dell’ordine e della Protezione civile sono in prima fila per la salvezza di tutti; altrimenti, resta solo un inutile slogan da utilizzare a intermittenza a proprio piacimento”.
Condividi

Facebook

NEWSLETTER

Social