1. TUTELA DELL’OCCUPAZIONE

a) proroga degli interventi di integrazione salariale fino al 28/02/2021.

b) misure urgenti per lavoratori stagionali.

c) reintroduzione voucher.

d) riduzione del 50% fino al 30 settembre 2021 dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro per ciascun lavoratore assunto dopo il 23 febbraio 2020 (anche a tempo determinato) e per ciascun lavoratore richiamato in servizio e non licenziato dopo un periodo di integrazione salariale.

e) lavoro intermittente: cumulabilità del reddito con le prestazioni integrative del salario o di sostegno al reddito nel limite di 5000 euro per anno.

2. INCENTIVI

a) Relativamente al Fondo indennizzo per le imprese (art.25 del DL Rilancio n.34), aumento del fondo ed estensione dei mesi di riferimento (almeno da marzo sino a giugno, no solo aprile). DL RILANCIO ha istituito un fondo straordinario di 25 milioni pari allo 0,33% di quanto perso dal settore. Una estensione aiuterebbe le agenzie di viaggio e gli alberghi includendo le aziende stagionali (le strutture in montagna chiudono a fine marzo e al mare aprono a metà maggio).

b) cancellazione delle commissioni sui pagamenti pos delle aziende del turismo (agenzie, alberghi, ristoranti, bar).

c) cancellazione seconda rata imu (estesa anche ai proprietari non gestori di strutture ricettive).

d) credito di imposta sugli affitti fino al 31/12/2020.

e) estensione “bonus facciate” anche agli immobili delle imprese turistico ricettive per i lavori effettuati fino a tutto il 2021.

f) estensione dell’ecobonus alle aziende del comparto turismo che permetterebbe una riqualificazione dell’offerta.

g) estensione validità voucher fino a 18 mesi dalla sua emissione.

h) Applicazione Iva al 5% per le prestazioni alberghiere e di trasporto passeggeri.

3. PROMOZIONE

a) “ITALIANI IN ITALIA”: accanto alle tradizionali campagne di promozione sui mercati internazionali, proponiamo una campagna straordinaria dedicata a riportare in Italia per turismo gli italiani che vivono da anni nel resto del mondo. Una platea potenziale di 50 milioni di persone, tra cittadini e oriundi di seconda e terza generazione. Sei mesi di sconti straordinari per destagionalizzare i flussi turistici il prossimo anno , a partire da settembre 2020 fino simbolicamente al 17 marzo 2021, centosessantesimo anniversario dell’unità d’Italia. Una speciale card da distribuire nei consolati e negli uffici Enit di tutto il mondo e che permetta di avere particolari sconti con i vettori aerei italiani, nei musei e nelle strutture ricettive. In questo modo, oltre che con gli italiani che vivono in Italia, potremmo aiutare il turismo con i nostri concittadini che vivono in giro per il mondo.

4. REVISIONE BONUS VACANZA

a) Modificare il bonus vacanze attraverso un meccanismo molto semplice che consiste nell’incentivare il turista a prolungare la sua permanenza in vacanza premiandolo con una notte gratuita di soggiorno ogni 2 notti prenotate, con le notti aggiuntive pagate direttamente dalla regione, e non sotto forma di credito d’imposta, alla struttura ricettiva, all’albergatore, al b&b attraverso i 2,4 miliardi stanziati per il bonus vacanze. Se dovesse essere attivato come previsto dal governo chiediamo che almeno il credito di imposta possa essere utilizzato anche per i tributi locali (IMU)

Condividi

Facebook

NEWSLETTER

Social