fbpx
if($_SERVER['REQUEST_URI'] == '/') {

 

Daily CBDLa tua fonte # 1 per gli estratti di CBD e canapa

}

“Se dovessimo seguire questa astrusa logica di Zingaretti sarebbe corretto dire che i mandanti morali dell’aggressione da parte di una donna congolese contro Salvini sono lui, i politici del Pd e i tanti giornalisti e influencer di regime che stanno aizzando ed istigando alla violenza stranieri e fanatici comunisti”. Lo dichiara, in una nota, il Questore della Camera  dei Deputati e presidente della Direzione nazionale di Fratelli d’Italia Edmondo Cirielli, in merito al commento di Nicola Zingaretti alle parole di Chiara Ferragni sull’omicidio di Willy Monteirno a Colleferro. “È innegabile che sia in atto una campagna mistificatrice contro le opposizioni degna dei peggiori paesi totalitari. È noto – aggiunge Cirielli – che solo nelle dittature si organizzano manifestazioni contro le opposizioni e si impediscono a queste ultime di promuoverne delle proprie attraverso la violenza e l’intimidazione. E’ ciò sta avvenendo anche in Italia con la copertura di molti mass media, giornalisti e influencer, per i quali le idee di controllo e legalità in tema di immigrazione vengono “bollate” come razzismo e fascismo. In questo clima di odio, quindi, è naturale che qualche fanatico ed estremista passi alle vie di fatto com’è avvenuto a Pontassieve (Firenze). Noi non ci sogneremo di dire, come sta facendo la Sinistra, che la colpa sia loro. Per FdI chi è violento e intollerante lo fa perché è bacato e va punito senza indugio. Al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, però, chiediamo di interrompere con decisione questa spirale di violenza, che sta ostacolando le libere elezioni compromettendo la nostra democrazia” conclude Cirielli.  

 
Condividi

Facebook

NEWSLETTER

Social