fbpx
if($_SERVER['REQUEST_URI'] == '/') {

 

Daily CBDLa tua fonte # 1 per gli estratti di CBD e canapa

}
“Il 9 ottobre 1963 260 milioni di mc di terra franarono nel lago artificiale del Vajont, rompendo la diga e riversando a valle così tanta acqua da distruggere i comuni limitrofi e consegnarci 2000 morti.
Nel tempo emerse poi che i primi progettisti avevano occultato la non idoneità dei versanti del bacino, a rischio idrogeologico, e per questo non adatti ad essere lambiti da un serbatoio idroelettrico.
Nel corso degli anni l’ente gestore e i suoi dirigenti continuarono ad ignorare il problema e, costretti  ad affrontarlo quando ormai la roccia antistante il lago iniziava a precipitare di ben 3 cm al giorno preannunciando un disastro, temporeggiarono nel realizzare le strutture di prevenzione, come la galleria di sorpasso frana.
La tragedia del Vajont rimane un grave esempio di dolo e incuria.
Anche oggi ricordiamo quelle Vittime perché siano monito per evitare altre tragedie”.
Lo dichiara in una nota il coordinatore nazionale del Dipartimento tutela Vittime di Fratelli d’Italia nell’anniversario del disastro.
Condividi

Facebook

NEWSLETTER

Social