fbpx

ban

SCARICA LA COMUNICAZIONE DI FRATELLI D’ITALIA SULL’ANDAMENTO DELLE NOSTRE AZIONI LEGALI

AGGIORNAMENTO AZIONI LEGALI PER DIFENDERE I PENSIONATI.

SCARICA IL COMUNICATO DI FRATELLI D’ITALIA DEL 15 OTTOBRE 2015

Il nuovo meccanismo di rivalutazione previsto dal Decreto Legge n. 65/2015 riguarda tutti i tipi di pensione?
No. Il meccanismo di rimborso non riguarda le pensioni fino a tre volte il minimo (circa Euro 1.443,00 lordi al mese) perché in questi casi l’indicizzazione era già stata garantita, e si applica fino alle pensioni pari a sei volte il minimo (circa Euro 2.886,00)
Per i pensionati coinvolti è prevista la sola erogazione del cosiddetto “bonus”?
No. Oltre al rimborso a forfait che sarà erogato il 1° agosto 2015, è previsto anche un successivo parziale adeguamento degli assegni al costo della vita
Qual è la rivalutazione riconosciuta nel 2012 e 2013?
Per il 2012 e 2013 è prevista una rivalutazione decrescente. Per le pensioni fino a tre volte il minimo non cambia nulla e quindi la rivalutazione è riconosciuta al 100%. Per quelle oltre tre e fino a quattro volte il minimo è prevista una perequazione ridotta al 40%. I trattamenti oltre a quattro volte e fino a cinque volte il minimo saranno soggetti a una rivalutazione del 20%. Quelli superiori (ma sempre fino a sei volte il minimo) avranno un’indicizzazione pari al 10%.
Qual è il meccanismo di rivalutazione per gli anni 2014 e seguenti?

Per il biennio 2014-2015 il Decreto riconosce, a titolo di rimborso parziale, solo un quinto della rivalutazione riconosciuta per il 2013, mentre per il 2016 la misura del rimborso sale al 50%.Occorre però precisare che l’articolo 1, comma 483, della legge n. 147/2013 non è stato modificato dalla pronuncia della Corte costituzionale. Secondo tale normativa, per il triennio 2014‐16, la perequazione è riconosciuta sempre in funzione dell’importo complessivo dei trattamenti corrisposti al singolo beneficiario, secondo un meccanismo per classi, nella misura:

  1. a) del 100 per cento dell’inflazione di riferimento per i trattamenti pari o inferiori a tre volte il trattamento minimo INPS;
  2. b) del 95 per cento per quelli compresi tra tre e quattro volte il trattamento minimo INPS;
  3. c) del 75 per cento per quelli compresi tra quattro e cinque volte il trattamento minimo INPS;
  4. d) del 50 per cento per quelli compresi tra cinque e sei volte il trattamento minimo INPS;
  5. e) del 40 per cento per il 2014 e del 45 per cento per ciascuno degli anni 2015 e 2016 per i trattamenti superiori a sei volte il trattamento minimo INPS. Nel 2014 la rivalutazione del 40 per cento è riconosciuta solo fino a sei volte il trattamento minimo INPS.
Per la rivalutazione si fa riferimento alle singole pensioni in pagamento o all’importo complessivo?
Occorre fare riferimento all’importo complessivo, anche quando composto da distinti trattamenti.
Per ricevere la rivalutazione arretrata occorrerà presentare domanda?
No. Dovrà essere l’INPS a procedere al ricalcolo
Qual è il regime fiscale per le somme arretrate?
Le somme arretrate subiscono il prelievo fiscale a tassazione separata. Il che consente di evitare di cumulare i redditi con quanto percepito nel corso dell’anno. L’imposizione fiscale avviene tramite un’aliquota media generalmente più favorevole per il contribuente
Se il pensionato avente diritto all’arretrato è deceduto, chi riscuoterà l’assegno?
In questo caso, analogamente a quanto accade per i ratei di tredicesima non riscossi dal pensionato defunto, gli eredi legittimi dovrebbero riscuotere i ratei maturati, con obbligo di presentazione della dichiarazione di successione (Circolare dell’Agenzia delle Entrate 53/E del 18 febbraio 2008).
Di seguito alcune proiezioni che mostrano i passaggi per la determinazione dell’importo lordo degli arretrati da corrispondersi al 1° agosto 2015.
Pensione Mensile Progressione annuale degli arretrati DL 65/2015
2011 2012 2013 2014 2015 Totale importo arretrati 1° agosto 2015
1.450,00 203,58 432,22 6,99 1,93 644,73
1.550,00 217,62 462,03 0,60 0,16 680,41
1.650,00 231,66 491,84 0,64 0,17 724,31
1.750,00 245,70 521,65 0,68 0,18 768,21
1.850,00 259,74 551,46 0,71 0,19 812,11
1.950,00 136,89 289,81 0,38 0,10 427,18
2.050,00 143,91 304,67 0,20 0,05 448,83
2.150,00 150,93 319,54 0,21 0,06 470,73
2.250,00 157,95 334,40 0,22 0,06 492,62
2.350,00 82,48 266,28 0,15 0,04 348,96
2.450,00 85,99 181,80 0,12 0,03 267,95
2.550,00 89,51 189,22 0,06 0,02 278,81
2.650,00 93,02 196,64 0,06 0,02 289,74
2.750,00 96,53 204,06 0,07 0,02 300,67
2.850,00 0,00 111,15 0,02 0,01 111,18

Raccolta informazioni per eventuale ricorso pensionati

    Cognome*

    Nome*

    Cellulare*

    Posta Elettronica*

    Città*

    Provincia*

    Indirizzo di Residenza*

    CAP*

    Note

    (*) Campi obbligatori

    Consenso Privacy*

    [wpgdprc "Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web."]